Mission

LAYOUT-OBITECH-SITO
"Non cambierai mai le cose combattendo la realtà esistente; per cambiare qualcosa, costruisci un modello nuovo che renda la realtà obsoleta." R.B. Fuller
 
Premessa
Il paradigma del modello socio-economico, basato sul consumo e lo spreco di immense risorse naturali da parte di "pochi" rispetto ai "molti", ha dimostrato come questi comportamenti debbano essere abbandonati, non già per questioni particolari, ma molto semplicemente perché "tale condotta" NON ha dimostrato di rispettare l'Ambiente e la Sopravvivenza su questo nostro pianeta. L'intento, per nulla ambizioso, tende alla ricerca di sistemi più rispettosi per l'Ambiente attraverso l'adozione di soluzioni più efficienti ed economicamente sostenibili. Partendo dal presupposto che "NON ESISTE un problema energetico", ma le lobby economiche che gestiscono l'Energia, come ampiamente dimostrato sin dal secolo scorso da illustri Ricercatori come Nikola Tesla, Viktor Shauberger, Walter Russell e molti Altri. Quest'assunto impone la presa di coscienza di questa indiscutibile Verità. Sino a quando il profitto e la speculazione finanziaria legata all'oligopolio dell'Energia domineranno la scena mondiale, non si potrà parlare di equità sociale ancorché di salvaguardia dell'Ambiente.
Da quanto emerge dalla nuova analisi di mercato “Strategic Assessment for European Biomass Energy Markets”, le biomasse prenderanno sempre più piede nel settore energetico europeo, andando a un ruolo cruciale nel conseguimento dell’obiettivo europeo, il “20-20-20”. Attualmente sono la fonte energetica rinnovabile a più largo impiego che offra in modo sostenibile ed economico, una risposta alla domanda energetica europea. Grazie ad un prezzo competitivo, questa costituisce infatti due terzi dell’offerta energetica da fonti rinnovabili offrendo anche l’opportunità di ridurre le emissioni di CO2. Circa il 5% del consumo totale di energia in Europa è oggi il risultato dell’uso delle biomasse: in Finlandia, Svezia e Austria, dove sono state messe a punto politiche energetiche di promozione delle biomasse, queste quote raggiungono il 15-20%. “Il prezzo crescente del petrolio in combinazione con la scarsità di risorse energetiche sicure, hanno reso le fonti energetiche locali, molto più appetibili”, come fanno notare gli analisti di Frost & Sullivan che hanno condotto questa ricerca. “Una linea di prodotti energetici diversificata e contenente le energie rinnovabili, distribuite sul territorio e prodotte in cogenerazione è essenziale alla salute del mercato energetico europeo. Queste nuove tendenze, sottolineano l’importanza della produzione di energia dalle biomasse”, piuttosto che da altre fonti rinnovabili.  Legambiente e il Cresme hanno presentato il loro secondo Rapporto durante la seconda giornata del Saie, svolta a Bologna nell’edizione 2010. Dalla ricerca emerge che ben 577 comuni italiani hanno adottato regolamenti edilizi incentrati sul risparmio energetico e la diminuzione degli inquinanti mediante il recupero dell’acqua piovana e il riciclo dei materiali di risulta, aiutando anche gli stessi cittadini ad acquisire comportamenti green.
Tuttavia questi propositi, a tutt'oggi, sono rimasti "lettera morta", utile ai soliti noti per continuare con il solito andazzo speculativo: NON è per Legge che può avvenire "Il Cambiamento". A ulteriore riprova della "falsità dei dati" di cui sopra, oggi 6 gennaio 2016 il prezzo del petrolio è di 45 US$ al barile e le stime prevedono che tale prezzo, scenderà a 20 US$ al barile entro la fine del corrente anno: ma com'è possibile tutto ciò???? Quando ero ancora studente nei primi anni settanta, ci avevano raccontato che il petrolio stava per finire: anzi, sarebbe finito entro il 2020!!!!!!!????? Se i dati non fossero sotto gli occhi di tutti, qualcuno potrebbe tacciarmi come bugiardo abituale. Purtroppo la realtà ha superato la fantasia ed essendo codesti in procinto di fallire per l'ennesima volta, ecco nuovamente pronta l'opzione finale: una bella guerra contro "il male".. acui seguirà la ricostruzione.. la speculazione... e infine???? Si ricomincia daccapo: il casinò, come si sa, non chiude mai ;-)

Missione
Obi Technology cerca di portare il proprio contributo alla crescente domanda di "conoscenza" non solamente attraverso "macchine sistemi" più rispettosi per l’ambiente e la salute nella convinzione che solamente “nuovi modelli tecnologici" all’interno di una “diversa visione” della scienza e della conoscenza potranno aiutare a risolvere i problemi sociali, ambientali e della salute. Trai i principali obiettivi: il trattamento, la depurazione e la rianimazione delle acque, seguendo i principi della Sintropia in armonia con quelli della Natura. L’utilizzo di fonti rinnovabili per la produzione dell’energia elettrica e termica, capaci di “scardinare” la dipendenza dai combustibili fossili. Lo sviluppo dell’agricoltura bio-dinamica, seguendo il modello della "dieta a km 0 zero". Un’edilizia civile e industriale che tenga conto dei nuovi e diversi parametri costruttivi in base ai criteri di antisismicità e risparmio energetico. La messa al bando degli OGM che sono la vera causa del disastro ambientale e relativa distruzione della biodiversità.

Visione
Obi Technology svolge la propria attività nella completa consapevolezza che i concetti della Fisica applicati alle ricerche e cognizioni scientifiche correnti, NON SONO PER NULLA ESATTI, quando e se non addirittura INVENTATI, giacché la Fisica NON è la Matematica. Noi sperimentiamo da anni i duplici effetti della Sintropia (implosione ndr) e dell’Entropia (esplosione ndr) che non riguardano le leggi della Termodinamica sulla conservazione dell’energia, che considera esclusivamente “UN CIRCUITO CHIUSO” partendo dall’assunto che l’Universo sarebbe Vuoto. Viceversa l’Universo “vivo e pulsante”, capace di generare un “campo energetico” pervadente e permanente che Tesla definì come Etere. I concetti meccanicistici della fisica classica, ci presentano un Universo “morente” originato da un “fantomatico Big Bang”, piuttosto che elucubrazioni sulle particelle sub-atomiche immerse in caotico moto vorticoso. Viceversa, ammettendo il fatto di un Universo “vivo e pulsante”, si comprende benissimo perché si espande e si contrae in base a ritmi e suoni armonici (frequenza ndr).  Concetti che mirabilmente furono espressi e dimostrati ampiamente già nel secolo scorso da Nikola Tesla, Viktor Shauberger, Ed Leedskalnin, Walter Russell, Wilhelm Reich e molti Altri e a cui ci siamo ispirati, verificandone l’assoluta fondatezza scientifica. Solamente guardando “da dove veniamo”, possiamo comprendere “dove potremmo andare” escludendo a priori l'ipotesi della CASUALITA' QUANTICA legata a ipotesi indimostrabili. Ci siamo limitati perciò ad osservare e comparare ciò che avevamo acquisito sui banchi di scuola, per poi passare alla comparazione/verifica, costruendo e sperimentando macchine e sistemi che fossero capaci di interagire con le “Forze della Natura”, cercando di assecondarne il “gioco”. In questo modo è stato possibile ri-scoprire che tutto ciò che pulsa, anima e si muove in Natura, segue sempre lo stesso "SCHEMA", muovendosi su percorsi binari che hanno sempre la stessa costante progressiva PHI 1,618… Queste ricerche ci hanno portato altresì a confrontarci con gli Altri Ricercatori che, nell'assoluto anonimato, sperimentano macchine e sistemi che non “producono lavoro per resistenza”, ma attingono ENERGIA dall’Ambiente attraverso “vibrazioni” a diverse frequenze.

Questo sito utilizza cookies per monitorare l'attività web del sito. Per avere ulteriori informazioni, consulta la nostra cookie policy. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information